Tra conferme e smentite, tutti i possibili movimenti della Juve per la prossima estate

08/02/2016 - l calciomercato invernale si è concluso senza botti, anche per non distogliere l’attenzione dal campionato e dalla rincorsa al quinto scudetto consecutivo, ma la Juventus è molto vigile e vivace sul mercato, per puntare sempre più in alto.

L’unico intoccabile sembra essere l’eterno Buffon, che ha comunque anticipato l’intenzione di ritirarsi dal calcio giocato dopo i 40 anni e i mondiali di Russia del 2018. Ma la Juventus lavora da tempo per creare una rosa in grado di presentare più scelte in tutti i ruoli, e difatti anche il portierone è ben coperto dal suo vice, Neto, che ben ha figurato nelle partite in cui è stato chiamato in causa. Per l’estate prossima, dunque, si prospetta la prosecuzione di questo lavoro da parte della dirigenza, che proverà a portare altri campioni sotto la Mole, cercando magari di trattenere il top player Paul Pogba: con il supporto della redazione di Serie A News, diamo dunque un’occhiata ai movimenti sul calciomercato della Juventus.

In difesa. Se il titolare del futuro è già in casa e si chiama Daniele Rugani, classe 1994 che si sta ritagliando spazio anche quest’anno, la società bianconera sta comunque valutando le alternative da mettere sotto contratto anche in chiave futura; uno dei primi nomi finiti sul taccuino di Paratici e Marotta è quello del terzino sinistro serbo classe 1985 del Manchester City Aleksandar Kolarov, indiziato numero uno a prendere il posto di Patrice Evra se il francese dovesse finire per cambiare aria e non rinnovare il contratto. Sulla destra, invece, resta forte l’interesse per l’esterno basso del Sassuolo Sime Vrsaljko, sul quale si era già concentrata l’attenzione lo scorso settembre, senza però un’offerta concreta, così come quello per Gregory van Der Wiel, che potrebbe essere preso a parametro zero se non rinnova col PSG.

A centrocampo. La parte centrale del campo è quella che vivrà probabilmente la rivoluzione maggiore, come accaduto la scorsa estate: se nel 2015 hanno fatto clamore gli addii di Pirlo e Vidal, ammortizzati solo col tempo dalla squadra, il rischio forte per la Juventus è di subire lo “scippo” di Paul Pogba, forse il più importante top player rimasto nella Serie A italiana: sulle tracce del francese ci sono tutte le principali squadre europee, con in testa il Manchester City, che potrebbe fare così un primo regalo al nuovo tecnico Guardiola. Ovviamente, la dirigenza juventina non si farà cogliere impreparata anche da questa eventuale cessione e, a prescindere dagli incassi (comunque ultramilionari), sta già sondando il mercato alla ricerca dei pezzi giusti: il nome più caldo resta quello del tedesco Gundogan, già trattato anche nelle scorse settimane, che potrebbe formare una bella coppia con il connazionale Khedira. Altro vecchio pallino bianconero è il brasiliano Oscar, il talentuoso trequartista del Chelsea, che potrebbe dare un tocco di qualità in più alla mediana della Juventus; proprio con il Chelsea, poi, ci sarà da affrontare il discorso relativo al riscatto di Cuadrado.

E in attacco. Questo è forse il reparto che dà minori preoccupazioni, perché conta già su calciatori giovani, ma di assoluta qualità come Dybala, Zaza e Morata: sullo spagnolo, però, pesa l’incognita della clausola “recompra” che potrebbe essere esercitata dal Real Madrid a giugno. In caso di cessione, però, la Juve non si farà cogliere impreparata, puntando magari a un bomber come Cavani, il cui rapporto con il PSG non è mai decollato davvero, mentre sembra da escludere un tentativo per prelevare Lavezzi, il cui ingaggio viene considerato troppo elevato. Di sicuro, dovrebbe sbarcare a Torino Domenico Berardi, pronto a giocarsi le sue chance con la maglia bianconera dopo le buone stagioni a Sassuolo.





Questo è un articolo pubblicato il 08-02-2016 alle 12:41 sul giornale del 09 febbraio 2016 - 339 letture

In questo articolo si parla di calciomercato, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atqO