utenti collegati
SEI IN > VIVERE TORINO > SPETTACOLI
comunicato stampa

Al Teatro Juvarra il musical “The Producers” diretto da Claudio Insegno

2' di lettura
26

Sabato 2 marzo (15.30 e 21) torna ial Teatro Juvarra “The Producers” il musical di Mel Brooks che nell’edizione italiana del 2005 vide Enzo Iacchetti nelle vesti del protagonista Bialystock.

Questa volta è la Gypsy Musical Academy, la grande accademia torinese, a portarlo sul palco con la sua compagnia di giovani talenti, la produzione Muvix Europa, le coreografie di Cristina Fraternale Garavalli e le musiche di Marta Lauria. La messa in scena è del noto regista Claudio Insegno che lavorò già con la Gypsy in produzioni come i musical “Frankenstein junior” e “Sweet Charity”. Si tratta di uno spettacolo più che mai attuale dove la genialità di una mente quale quella di Mel Brooks è riuscita a rendere eternamente ironico anche il lato più oscuro dell’uomo.

La Gypsy Academy, che da 20 anni è una delle più prestigiose accademie dello spettacolo in Italia, nel 2019 ha raggiunto la finale di "Italia's got Talent” con "The Greatest Showman". E tutto ciò è in linea con la sua poetica che la vede collaborare con le più grandi realtà internazionali quali il West End e Broadway.

La trama

Nel 1959, in seguito al flop del musical teatrale Funny Boy (basato sull'Amleto di William Shakespeare), il produttore teatrale Max Bialystock, assume il timido e nevrotico Leopold "Leo" Bloom come suo contabile. Mentre studia i libri contabili di Max, Leo osserva che poiché un flop potrebbe perdere denaro, l'Internal Revenue Service (l'agenzia governativa deputata alla riscossione dei tributi) non ha interesse a indagare sulle finanze delle produzioni fallite. Leo scherza dicendo che una commedia fallimentare potrebbe produrre molti più soldi perché, vendendo un eccesso di azioni e appropriandosi dei fondi alla fine del fallimento, un flop potrebbe generare più soldi perché non ci sarebbe da restituire i soldi ai finanziatori. Verrà alla luce la più brutta commedia mai vista in America, così brutta che il pubblico la scambierà per satira…





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2024 alle 15:53 sul giornale del 27 febbraio 2024 - 26 letture






qrcode